CIVA INAIL: denuncia impianti di messa a terra

L’INAIL, attreverso il portale CIVA, ha dato inizio al processo di informatizzazione della propria banca dati, mettendo a disposizione al datore di lavoro, o suo delegato, alcune procedure semplici da seguire per effettuare la denuncia dell’impianto di terra ai sensi del DPR 462/01, per comunicare il nome dell’Ente incaricato ad effettuare le verifiche periodiche sugli impianti o per richiedere il numero di matricola degli impianti già denunciati.

 

A seguito di diverse richieste telefoniche di spiegazione all’uso di tale portale, abbiamo deciso di pubblicare dei video semplificativi (tutorial) dove il datore di lavoro/responsabile dell’attività può raccogliere indicazioni semplici e precise per districarsi nell’uso del portale CIVA.

 

All’interno del nostro sito trovate questi 5 video semplificativi:

Comunicazione ente abilitato: il legale rappresentante o suo delegato effettua la comunicazione all’INAIL, attraverso il portale, del nome dell’Organismo Abilitato incaricato ad effettuare la verifica periodica dell’impianto di messa a terra o dell’impianto di protezione dalle scariche atmosferiche o dell’impianto elettrico installato in luogo con pericolo di esplosione. Per tale comunicazione si deve essere a conoscenza del numero di matricola assegnato all’impianto.

Denuncia di Messa a Terra: il legale rappresentante o suo delegato deve avere a disposizione la dichiarazione di conformità dell’impianto oggetto di denuncia per poter portare a termine tale procedura. Nel video vengono spiegati quali ulteriori dati servono e quali modalità sono da seguire per il pagamento dell’importo spettante all’INAIL.

Denuncia impianto non censito: procedura da attivare nel caso in cui l’utente è in possesso del numero di matricola dell’impianto elettrico, ma lo stesso non è presente nel portale CIVA. Il rappresentante legale o suo delegato devono essere in possesso di determinati dati tecnici e di documenti specifici necessari per portare a termine la procedura. Il video proposto illustra le modalità da seguire.

Registrazione ai servizi telematici: procedura da seguire per richiedere l’accesso ai servizi telematici presenti sul sito INAIL, propedeutico all’uso del portale CIVA.

Richiesta matricola impianto denunciato: procedura da seguire nel caso in cui non si è in possesso del numero di matricola nonostante l’impianto sia già stato denunciato nel passato. Avendo a disposizione i dati tecnici dell’impianto, la dichiarazione di conformità e l’evidenza della denuncia fatta allora, una volta completata la procedura proposta dal portale CIVA e ben spiegata nei nostri video semplificativi, il legale rappresentante potrà recuperare il numero di matricola. Nel caso in cui la procedura non vada a buon fine bisogna ripartire con la nuova denuncia di impianto di messa a terra.

Il 2020 ha visto importanti novità sul fronte DPR 462/01 – informatizzazione dei dati. La volontà del legislatore è quella di contribuire in modo attivo al processo di innalzamento della sicurezza dei luoghi di lavoro, e lo fa attraverso l’ausilio di un sistema informatico che possa in qualche modo sanare i pochi controlli messi finora sul campo. Uno strumento che aiuti il datore di lavoro a regolarizzare la propria posizione in ogni caso, sia che abbia sempre ottemperato alle richieste legislative di denucia e verifica degli impianti di terra, sia che non si sia mai attivato per adempiere a tali obblighi. In questo ultimo caso avrà in aggiunta l’onere di adeguare gli impianti se mai sono stati controllati.

 

Una novità positiva, un contributo alla sicurezza, una crescita di coscienza nel mondo moderno.

Scrivici su Whatsapp